Home | Pianeta Calcio | Grecia, crisi senza fine. Sospeso anche il campionato di calcio
Grecia, crisi senza fine. Sospeso anche il campionato di calcio

Grecia, crisi senza fine. Sospeso anche il campionato di calcio

  • Le cause della scelta del governo e le reazioni nel Paese – la violenza tradizione storica del calcio greco – Panathinaikos-Olympiacos Pireo, la goccia che ha fatto traboccare il vaso – botte anche al board della Federazione nazionale – sul tavolo di Tsipras ennesimo dossier complicato

Patrizio Nissirio, direttore di ANSA Med, commenta per RADIOCALCIO la decisione del governo greco di sospendere il Campionato di Calcio, la Super League.
Il governo greco ha disposto la sospensione immediata del campionato di calcio a causa dei ripetuti episodi di violenza fra le tifoserie che ne hanno caratterizzato lo svolgimento. Secondo il governo di Alexis Tsipras, non ci sono le condizioni di sicurezza per continuare.

 

In Grecia si ferma anche il calcio. Dopo le violenze fra tifosi che hanno caratterizzato varie partite, la goccia che ha fatto traboccare il vaso sono stati gli incidenti verificatisi prima, durante e dopo il derby di Atene Panathinaikos-Olympiacos Pireo, finito 2-1 per i verdi.

 

Al termine degli scontri c’erano stati 11 arresti, mentre un giocatore dell’Olympiacos, il nigeriano Michael Olaitan, aveva perso conoscenza durante il primo tempo ed era stato ricoverato in ospedale, dove gli era stata diagnosticata una miocardia dovuta a spavento, ansia e stress. L’ex laziale Kasami, ora all’Olympiacos, era invece stato colpito alla testa, per fortuna senza gravi conseguenze, da un petardo lanciato contro di lui dagli spalti mentre si avviava a sedersi sulla panchina della sua squadra. Yannis Anastasiou, allenatore del ‘Pana’, era stato ‘centrato’ alla testa da un bicchiere pieno lanciato anche questo dalle gradinate.

 

E di peggio è capitato ieri alla riunione ufficiale della Super League, la Lega delle squadre di serie A, convocata per discutere dell’accaduto. A un certo punto il presidente dell’Olympiakos Marinakis ha scagliato un bicchiere al suo rivale del Panathinaikos, Alafouzos; e mentre tutti si alzavano in piedi urlando una guardia del corpo sempre di Marinakis ha dato un cazzotto in faccia al vicepresidente del Panathinaikos.

 

Ora il Governo ha deciso di intervenire con durezza, sospendendo a tempo indeterminato i campionati professionistici, mentre la prossima stagione neppure comincerà, secondo quanto ha detto il viceministro dello Sport, Stavros Kontonis “se tutti i 18 club non introdurranno ticket elettronici e telecamere di sicurezza durante le partite”. Il campionato greco era già stato sospeso due volte in questa stagione a causa della violenza, ma ora lo stop è definitivo fin quando non saranno ripristinate le condizioni di sicurezza per far svolgere le partite. E’ allo studio la possibilità di introdurre anche in Grecia la ‘tessera del tifoso’, analogamente a quanto succede in Italia. In serata Kontonis si riunirà con i più alti dirigenti del calcio greco e con il Premier Alexis Tsipras