Home | Storie | Losi, Regalia e il derby del Cupolone
Losi, Regalia e il derby del Cupolone

Losi, Regalia e il derby del Cupolone

  • Roma e Lazio nel cuore – i momenti più belli – il derby per romanisti e laziali – le vittorie indimenticabili – la vittoria giallorossa della Coppa delle Fiere – quello spareggio che evitò alla Lazio la Serie C – Gazza, il più grande

Derby da Europa la stracittadina romana in programma domenica prossima, 11 gennaio 2015, allo Stadio Olimpico. Roma contro Lazio vuol dire seconda contro terza in classifica: finisse ora la Serie A, nel 2015-16 all’Olimpico due squadre in Champions League. Ricordi ed emozioni del passato nel racconto di due protagonsti delle storie di Roma e Lazio, Giacomo Losi e Carlo Regalia.

 

Giacomo Losi è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore. Ha militato nella Roma per quasi tutta la sua carriera professionistica (quindici stagioni). E’ il giocatore con più presenze nel club dopo Francesco Totti e Daniele De Rossi. Per la sua lunga militanza e la generosità in campo è stato soprannominato Core de Roma. Ha esordito in Serie A a Roma contro l’Inter il 20 marzo 1955, non essendo disponibile il titolare Alberto Eliani; la partita si concluse 3-0 per la Roma. Giocò nella Roma fino al 1969, collezionando 386 presenze totali, di cui 299 da capitano, senza mai subire nessun provvedimento disciplinare (fu ammonito solamente nell’ultima partita disputata). Con la Roma ha vinto due Coppe Italia, nel 1963-1964, e nel 1968-1969, e una Coppa delle Fiere nel 1960-1961. In campionato il miglior piazzamento è stato il secondo posto nel 1954-1955.

 

Carlo Regalia è un dirigente sportivo, allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista. Nella sua lunga carriera da Direttore Sportivo, è stato anche alla Lazio dal 1987, anno del “meno nove”, al 1992 (il primo anno in Serie B e gli altri nella massima serie). Tra gli acquisti effettuati in coppia con l’allora presidente Carlo Calleri, Regalia rimarrà nella storia per aver concluso una trattativa speciale, quella che portò a Roma il campione inglese Paul Gascoigne, soprannominato Gazza.