Home | Bari107 | De Trizio: Il primo premio partita, mia mamma vide i soldi e pensò a male
De Trizio: Il primo premio partita, mia mamma vide i soldi e pensò a male

De Trizio: Il primo premio partita, mia mamma vide i soldi e pensò a male

  • Cominciai a giocare tra i vicoli della “città vecchia” – mi disse mr. Catuzzi: il prossimo anno giochiamo a zona – che vittoria a Rimini, la più bella – giovanni loseto potenzialmente avrebbe potuto giocare in club prestigiosi – Platini il più forte contro cui ho giocato – la pubalgia e un blocco lombare mi hanno fortemente condizionato – il calcio mi ha dato tutto – dico ai miei ragazzi: la maglia del Bari ti fa diventare più forte – i luoghi delle vittorie e delle sconfitte –  il rammarico: non ho mai fatto il raccattapalle – la “spina del polpo” – Johan Cruyff, il mio idolo

Giorgio De Trizio è stato una bandiera del Bari dove ha militato per 9 stagioni, spaziando dalla serie C alla serie B, annoverando anche una stagione in massima serie nel 1985-86. È al momento il quarto giocatore di sempre per presenze in maglia biancorossa: 273 e 12 gol. Anche lui fa parte della pattuglia del Bari primavera allenato da Enrico Catuzzi, squadra in cui, insieme a Nicola Caricola, componeva una fortissima coppia di difensori centrali, poi confermatasi anche in prima squadra. Oggi è allenatore dei giovanissimi del FC Bari 1908, del rinnovato settore giovanile allestito dal presidente Gianluca Paparesta. Anche lui proviene dalla città vecchia, è molto legato ai colori della sua squadra del cuore ed è ancora amatissimo dalla tifoseria biancorossa.