Home | L'altra metà del calcio | Il futuro del Calcio Femminile in Italia
Il futuro del Calcio Femminile in Italia

Il futuro del Calcio Femminile in Italia

Partecipazione e grande interesse a Roma per la tavola rotonda dell’11/12/2014, organizzata a margine del Convegno “Donne e Sport” dall’Associazione Italiana Calciatori con il patrocinio del Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio, per promuovere la crescita del Calcio Femminile in Italia. Di fronte ad una numerosa platea, ricca di personalità del panorama calcistico nazionale, gli interventi delle varie istituzioni. La fotografia del movimento italiano, paragonata alle altre realtà internazionali, evidenzia un notevole ritardo dello sviluppo della disciplina sia da un punto di vista tecnico che culturale e organizzativo, frutto di un passato in cui non si sono attuate concrete politiche sistemiche di promozione.

 

Tra i presenti, il Presidente della FIGC Carlo Tavecchio che si è impegnato a realizzare una sinergia tra calcio professionistico e realtà femminili, e il Presidente del CONI Giovanni Malagò che ha ricordato l’importanza del Calcio Femminile in quanto disciplina olimpica e l’esigenza di investimenti strutturali da parte della Federazione. Importante anche il contributo dell’on. Laura Coccia che sta portando avanti in Parlamento una revisitazione della Legge 91 dell’81 con l’introduzione della parità di genere per favorire il professionismo degli sport femminili. Di grande interesse quanto detto da Katia Serra, Responsabile AIC Settore Calcio Femminile. Il Presidente AIC, Damiano Tommasi, che ha fortemente voluto questo momento di riflessione, ha concluso auspicando “il passaggio dalle parole ai fatti, perché per troppo tempo nel calcio femminile ci si è fermati alle intenzioni. È necessario un cambio di mentalità smettendo di fare paragoni con il calcio maschile che sminuiscono la valenza di questo sport. Come Associazione abbiamo idee e progetti da mettere a disposizione per realizzare l’obiettivo”.