Home | Storie | Johan Cruyff a Como nel ricordo di Stefano Borgonovo
Johan Cruyff a Como nel ricordo di Stefano Borgonovo

Johan Cruyff a Como nel ricordo di Stefano Borgonovo

Johan Cruyff Foundation e Fondazione Stefano Borgonovo hanno sancito un patto di collaborazione per la promozione dello sport giovanile nella sua totalità di obiettivi: integrazione, disciplina, equilibrio, consapevolezza. Sono questi alcuni degli aspetti riassunti nelle “14 Regole” che regolamentano le attività da svolgere sul Cruyff Court Stefano Borgonovo, il  primo Cruyff Court in Italia, intitolato a Stefano Borgonovo.

 

Durante la conferenza stampa alla quale ha partecipato RADIOCALCIO, lunedì 10 novembre, nella prestigiosa sede di Villa d’Este, moderata dal giornalista Massimo De Luca, hanno preso la parola Johan Cruyff, Chantal Borgonovo e il sindaco di Como, Mario Lucini per evidenziare le finalità di questo progetto rivolto ai giovani che coinvolge non solo la città di Como, dove il Cruyff Court é ubicato: il campo é, infatti, aperto a tutti e rappresenta uno spazio che fornisce ai bambini e ad altri membri della comunità un’area sicura e protetta dove giocare, fare movimento e organizzare attività diverse.

 

I Cruyff Courts hanno origine nel 2003 quando Aron Winter, ex giocatore dell’AFC Ajax e della nazionale olandese, volle restituire qualcosa alla società e in particolare alla sua città natale, Lelystad. In collaborazione con la Johan Cruyff Foundation fu realizzato il primo Cruyff Court nel quartiere dove lui era cresciuto e da allora ne sono sorti circa 200 in tutto il mondo che forniscono una piattaforma da utilizzare per stimolare iniziative sociali e sportive per la comunità e attività legate alla salute.

 

All’inaugurazione del campo non sono mancate esibizioni sportive, tra cui quella con il giocatore del Milan Marco Van Ginkel e Soufiane Touzani, ex campione Mondiale di freestyle con il pallone, oltre ai saluti di Franco Baresi e Javier Zanetti. Anche Fernando Ricksen, ex calciatore olandese malato di SLA, ha voluto portare il suo saluto.